H.R.H Prince Nick Bagrationi

His Royal Highness

PRINCE NICK BAGRATIONI - ARISTOCRAZIA EU

"Non nobis, Domine, non nobis, sed Nomini tuo da gloriam"

COVER AND THUMBNAIL.png

INTERVIEW WITH THE REVEREND FATHER DON PIETRO PISCIOTTA,
KNIGHT COMMANDER OF THE EQUESTRIAN ORDER OF THE HOLY SEPULCHRE OF JERUSALEM, PARISH PRIEST AT THE SERVICE OF THE FAITH FOR OVER 50 YEARS
(DIOCESE OF MAZARA DEL VALLO),
DIRECTOR OF THE DIOCESAN HISTORICAL ARCHIVE OF MAZARA DEL VALLO,
PROFESSOR OF HISTORY AND PHILOSOPHY IN HIGH SCHOOLS,
PRESIDENT OF THE SELINUNTINA ACADEMY OF SCIENCES, LETTERS AND ARTS,
AND FOUNDER AND PRESIDENT OF THE INSTITUTE OF HISTORY FOR THE MAZARESE CHURCH.

 

Interview and translation by H.R.H. Prince Nick Bagrationi.

(SCROLL DOWN FOR THE ITALIAN VERSION - SCORRERE GIÙ PER LA VERSIONE IN ITALIANO)

 

 

INTRODUCTION

 

The Equestrian Order of the Holy Sepulchre of Jerusalem (OESSG), in Latin: Ordo Equestris Sancti Sepulcri Hierosolymitani (OESSH), also known as the Order of the Holy Sepulchre or Order of the Knights of the Holy Sepulchre is one of the five Catholic orders of chivalry protected by the Holy See and granted directly by the Pope as Supreme Pontiff and Head of the Catholic Church and as Head of State of the Vatican City.

 

The roots of the Order of the Holy Sepulchre date back to 1099 and since then, the Order has pursued its ancient purpose, supporting the Holy Land with various initiatives and in particular the Latin Patriarchate of Jerusalem (including the construction and maintenance of kindergartens, schools, hospitals, churches, seminaries, and scholarships for students in need and particularly deserving).

 

Currently, the Order's active members worldwide are estimated to be 30,000 between knights and dames, including sovereigns (Spain, Belgium, Monaco, Luxembourg and Liechtenstein), hereditary princes and their spouses, nobles of ancient titled families and heads of state. In Italy there are currently 7 lieutenancies with over 6,000 between knights and ladies.

 

In this interview, the Reverend Father, Don Pietro Pisciotta, Commander of the Order, will tell us in more detail about the current activities of the order, and about his life dedicated to the service of God.

 

 

INTERVIEW

 

Good evening Don Pietro.

 

DON PIETRO: Good evening!

 

First of all I would like to thank you again for your availability. It is a great honor for me to be able to interview you.

I have prepared 10 questions for the interview.

 

DON PIETRO: I'm ready!

 

 

1. There are many things I would like to ask you, but being you a man of great faith, I believe that the first question I should ask you given the difficult year from which the world is slowly trying to recover, is how was your faith born and how do you manage to maintain it during the darkest moments? What advice would you give to those who are going through difficult times, such as the bereavement of their loved ones, and find it hard to hope for a better future?

 

DON PIETRO: I think, dear friend, we need to have clear ideas about the life and role of each of us on earth. The dark moments are there and always will be. But life is a walk to heaven; no one has a permanent abode on earth. If one has faith, every day thanking God, mindful that Jesus said "I am going to prepare a place for you", every day is a grace from God. How many years should we live? Before God, eternal, a day is like a year, a year is like a day. What matters is the serene conscience of responding to God who speaks to us with the voice of conscience as well as with the Bible Word of God.

 

 

2. What prompted you to choose a path of life dedicated to the Lord?

 

DON PIETRO: Christianity is not a miraculous religion, which is based on extraordinary interventions by God. What God created is good, but within the limits of space and time.

We do not expect miracles from God, but the divine strength to endure pain, mourning, with the certainty that created by God, we must return to God. The Christian prays not for the miracle (if it comes it is always welcome) but he prays for the strength to always be prepared to face any contingencies.

 

I can't answer: I am the son of humble people who have always worked.

In the seminary, where I studied, everyone was convinced that I would soon be leaving.

 

Many went away, I always remained serene.

 

I studied, I graduated in Philosophy, and it was the Bishop of Mazara himself who asked me to teach History and Philosophy in the state high schools;

 

at the same time he invited me to accept the parish as well, because he did not know who to send, and I gladly accepted, and I taught history and philosophy for 40 years, and at the same time I have been a parish priest for 55 years.

 

 

3. Yours is a beautiful and admirable philosophy of life and dedication. A philosophy certainly shared by the Equestrian Order of the Holy Sepulchre of Jerusalem.
When did you first become aware of the Order's initiatives and what prompted you to become a member?

 

It was my High School Principal, who was Grand Officer of the Order, who told me about it; I found it interesting and I immediately joined with joy. The initiatives afterall are of collaboration with the Catholic Churches in the Holy Land, a Church that I met on two pilgrimages, I saw how they work and I remained enthusiastic also in collaborating with them.

 

 

4. In the world there are 30,000 Knights and Dames present, many of whom are active within the local Churches and are strongly united with the bishops of the territory, who often act as Grand Priors of the Order's Lieutenancies. According to Cardinal Pietro Parolin, Secretary of State of the Holy See, the members of the order can be described as "ambassadors" of the Holy Land.

In this role, how would you personally describe the main mission of the order, and the mission of faith that each member should pose to himself in order to meet the duty with which they are invested, so as to be able to help the order achieve its goals? In other words, what should be the primary mission of the members on a daily basis?

 

It is necessary to have lively faith and sincere love. It is enough to go to the Holy Land to realize it. On returning, one cannot fail to feel obliged to have a collaboration with both hands with a Church that needs everything. The Christian Church in the Holy Land lives among people not only Catholic, but there are Orthodoxes, Protestants, Jews and Muslims. In the Holy Land one discovers true poverty and true wealth: one cannot remain insensitive to situations that are often inconceivable to us. "Ambassadors" to bring a smile, a moment of Christian joy.

 

We need to make the concrete reality of the Holy Land truly known and then testify our adhension to the order with words and works.

 

 

5. For those who dream of one day becoming a member, what are the steps to be taken, and the requirements to be met? Is there a specific process applicants must follow?

 

We must be people of sincere faith and then remember that the contribution that each member is required to pay (400 Euro) is a gesture of charity and love. Then a knight or a lady cannot fail to go to the Holy Land at least once to realise what Palestine actually is today.

 

It is necessary to be introduced by two knights of the area, to complete a period of novitiate to know the order and then, if one is admitted, the investiture will take place. It is a true service of love and faith.

 

 

6. Among your innumerable duties, what was the most demanding challenge of your life in the service of God?

 

People just need to be loved and respected for each role they play. I am 83 years old and I have always enjoyed being a teacher in the school and a priest in the parish or outside. We must believe and love our role, aware that our life is a "service". I used to say to my parishioners: gentlemen, my father did not leave the parish to me, the parish belongs to everyone, we all collaborate together with both hands.

My former parishioners, their goodness, meet me and it's a party.

 

I used to say to my students: the state pays me handsomely: woe to those who think of going to after-school; you have to come to me because I am paid by the state. I had wonderful students, they were studying, today they are all qualified men and women. When we meet, it's a party. They reminisce the times that were.

 

 

7. What is your best memory in the service of God?

 

Difficult to answer: I teached at school as if I had been in the parish; I preached as a parish priest as if I had a high school class nearby. Now that I am free from commitments, as long as my strengths allow me, by voluntary service, I am the Director of the Diocesan Historical Archive, President of the Selinuntina Academy of Sciences, Letters and Arts, and Founder and President of the Institute of History for the Mazara Church.

I have always just and only had fun, and everyone is happy with the years spent together.

 

 

8. I have read that unlike other orders, which normally confer titles of chivalry for acquired merits, one enters the Equestrian Order of the Holy Sepulchre to provide an active and charitable service in favor of the Christian institutions in the Holy Land, with particular regard to the activities managed by the Latin Patriarchate of Jerusalem, of which the Order is the main source of livelihood for all operational structures (60 parishes, 45 schools with over 18,000 students and 900 teachers, the seminary, orphanages, etc.) and support activities for the Christian presence in that land. Unlike the charitable institutions, the Order does not promote initiatives for the request of financial aid from third parties, but it is the Knights and Dames who take care of them directly. How exactly can members support the Holy Land, and is it necessary to travel there regularly, or can help be provided remotely?

 

The needs of the Holy Land can also be provided at a distance through the Diocese or directly by sending a personal contribution to the Latin Patriarchate of Jerusalem.

 

 

9. What do you think of what is currently defined as the "crisis of faith", that is, more and more people, especially young people, who become atheists?

 

I don't believe in atheism. It seems strange, I see more faith today than yesterday; yesterday we were Christians more by tradition than by conviction; today, who is a Christian, is truly Christian. We have all studied, and man today is more of a believer than yesterday. Many structures are empty because they have remained tied to an outdated tradition, passed down and never updated. The Church belongs to the Holy Spirit, and God knows well men and things. I, Among other things, have been teaching Church History for over 20 years and almost all the teachers of the Catholic religion in the Diocese of Mazara have been my students, and today the Church is living moments I'd say are glorious compared to the past. Young people are responsible, they want to talk, not to be made fun of or be considered big children. If they see themselves loved and respected, they love and respect God and their neighbor.

 

 

10. What were the main initiatives and efforts of the Equestrian Order of the Holy Sepulchre of Jerusalem to combat the effects caused by Covid-19? And what can each of us do to help your initiatives in this difficult period?

 

The crisis due to the Covid-19 today has involved not only Italy but the whole world. Specifically, I cannot tell you anything about particular initiatives of the Order. However, each of us in his own small and local Church can see and act accordingly. We are all in the same boat, we hope to land soon and then act accordingly.

 

 

Reverend Father, I truly thank you with all my heart for this interview.
It has been a great honor, and a real pleasure, to hear your points of view.

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

 - - - - - - - - - - - - - - -     ITALIAN VERSION - VERSIONE IN ITALIANO     - - - - - - - - - - - - - - - 

 

INTERVISTA AL REVERENDO PADRE DON PIETRO PISCIOTTA,
COMMENDATORE DELL'ORDINE EQUESTRE DEL SANTO SEPOLCRO DI GERUSALEMME, PARROCO AL SERVIZIO DELLA FEDE DA OLTRE 50 ANNI (DIOCESI DI MAZARA DEL VALLO), DIRETTORE DELL'ARCHIVIO STORICO DIOCESANO DI MAZARA DEL VALLO,
PROFESSORE DI STORIA E FILOSOFIA NEI LICEI,
PRESIDENTE DELL'ACCADEMIA SELINUNTINA DI SCIENZE, LETTERE ED ARTI,
E FONDATORE E PRESIDENTE DELL'ISTITUTO DI STORIA PER LA CHIESA MAZARESE.

 

Intervista a cura di S.A.R. Principe Nick Bagrationi.

 

 

INTRODUZIONE

 

L'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (OESSG), in latino: Ordo Equestris Sancti Sepulcri Hierosolymitani (OESSH), conosciuto anche come Ordine del Santo Sepolcro o Ordine dei Cavalieri del Santo Sepolcro è uno dei cinque ordini cavallereschi cattolici protetti dalla Santa Sede e concessi direttamente dal Papa come Supremo Pontefice e capo della Chiesa Cattolica e come capo di stato della Città del Vaticano. 

 

Le radici dell'Ordine del Santo Sepolcro risalgono al 1099 e da allora, l'Ordine segue il suo antico scopo, sostenendo con varie iniziative la Terra Santa e in particolare il Patriarcato latino di Gerusalemme (tra le quali la costruzione e manutenzione di asili, scuole, ospedali, chiese, seminari, e borse di studio per studenti bisognosi e particolarmente meritevoli).

 

Attualmente, i membri stimati dell'Ordine attivi in tutto il mondo sono 30000 tra cavalieri e dame, e includono sovrani (Spagna, Belgio, Principato di Monaco, Lussemburgo e Liechtenstein), principi ereditari e loro consorti, nobili di antiche famiglie titolate e capi di stato. In Italia attualmente vi sono 7 luogotenenze con oltre 6000 tra cavalieri e dame.

 

In questa intervista, il Reverendo Padre, Don Pietro Pisciotta, Commendatore dell'Ordine, ci racconterà più in dettaglio riguardo alle attuali attività dell'ordine, e riguardo alla sua vita dedicata al servizio di Dio.

 

 

INTERVISTA

 

Buonasera Don Pietro.

 

DON PIETRO: Buona sera!

 

Innanzitutto vorrei ringraziarla nuovamente per la vostra disponibilità. E' per me un grandissimo onore poterla intervistare.

Ho preparato 10 domande per l'intervista.

 

DON PIETRO: Io sono pronto!

 

 

1. Ci sono molte cose che vorrei chiedervi, ma essendo lei un uomo di grandissima fede, ritengo che la prima domanda che le debba fare visto l'anno difficile da cui il mondo si sta lentamente cercando di riprendere, è come è nata la vostra fede e come fa a mantenerla nei momenti più bui? Che consiglio darebbe a chi sta attraversando periodi difficili, come per esempio il lutto dei propri cari, e fatica a sperare in un futuro migliore?

 

DON PIETRO: Penso, caro amico, che bisogna avere idee chiare circa la vita e il ruolo di ognuno di noi sulla terra. I momenti bui ci sono e ci saranno sempre. Ma la vita è un cammino verso il cielo; nessuno ha stabile dimora sulla terra. Se uno ha fede, ogni giorno ringrazia Dio, memore che Gesù disse "vado a prepararvi un posto", ogni giorno è una grazia di Dio. Quanti anni dovremmo vivere? Davanti a Dio, eterno, un giorno è come un anno, un anno è come un giorno. Ciò che conta è la coscienza serena di rispondere a Dio che ci parla con la voce della coscienza oltre che con la Bibbia Parola di Dio.

 

 

2. Cosa vi ha spinto a scegliere un percorso di vita dedicato al Signore?

 

DON PIETRO: Il cristianesimo non è una religione miracolistica, che si basa su interventi straordinari di Dio. Ciò che Dio ha creato è buono, ma nei limiti dello spazio e del tempo.
Da Dio non ci aspettiamo miracoli, ma la forza divina di sopportare il dolore, il lutto, con la certezza che creati da Dio, dobbiamo tornare a Dio. Il cristiano prega non per il miracolo
(se viene è sempre bene accetto) ma prega per avere la forza di essere preparati sempre ad affrontare le eventuali contingenze.

 

Non saprei rispondere: sono figlio di gente umile che ha sempre lavorato.
Nel seminario, dove ho studiato, tutti erano convinti che me ne sarei andato presto via. 

 

Tanti andavano via, io sono rimasto sempre sereno. 

 

Ho studiato, mi sono laureato anche in Filosofia, ed è stato lo stesso Vescovo di Mazara a pregarmi di darmi all'insegnamento di Storia e Filosofia nei Licei statali; 

 

nel contempo mi ha invitato ad accettare pure la parrocchia, perchè non sapeva a chi mandare, ed io l'ho accettato ben volentieri ed ho insegnato 40 anni Storia e Filosofia, e contemporaneamente ho fatto il parroco per ben 55 anni.

 

 

3. La vostra è una filosofia di vita ed una dedicazione bellissima ed ammirevole. Una filosofia certamente condivisa dall'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.
Quando è venuto a conoscenza delle iniziative dell'Ordine per la prima volta e cosa vi ha spinto a divenirne un membro?

 

È stato il mio Preside del Liceo, che era Grande Ufficiale dell'Ordine, a parlarmene; l'ho trovato interessante ed ho subito aderito con gioia.  Le iniziative in fondo sono di collaborazione con le Chiese Cattoliche in Terra santa, Chiesa che ho conosciuto in due pellegrinaggi, ho visto come lavorano e ne sono rimasto entusiasta anche nel collaborare con esse.

 

 

4. Nel mondo sono presenti 30.000 Cavalieri e Dame, molti dei quali attivi all’interno delle Chiese locali e fortemente uniti ai vescovi del territorio, che spesso agiscono da Gran Priori delle Luogotenenze dell’Ordine. Secondo il Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato della Santa Sede, i membri dell'ordine si possono descrivere come "ambasciatori" della Terra Santa. 

In suddetto ruolo, lei personalmente, come descriverebbe la missione principale dell'ordine, e la missione di fede che ciascun membro dovrebbe porre a se stesso per andare incontro al dovere di cui sono investiti, in modo da poter aiutare l'ordine a raggiungere i propri obiettivi? In altre parole, quale dovrebbe essere la missione primaria dei membri su base giornaliera?

 

Bisogna avere fede viva e amore sincero. Basta andare in Terra Santa per rendersene conto e ragione. Al ritorno non si può non sentirsi in dovere di una collaborazione a piene mani con una Chiesa che necessita di tutto. La Chiesa cristiana in Terra Santa vive tra gente  non solo cattolica, ma vi sono ortodossi, protestanti, ebrei e musulmani. In Terra Santa si scopre la vera povertà e la vera ricchezza: non si può rimanere insensibili davanti a situazioni per noi spesso inconcepibili. "Ambasciatori" per portare un sorriso, un momento di gioia cristiana.

 

Bisogna far conoscere veramente la realtà concreta della Terra santa e poi testimoniare con  le parole e le opere la nostra adesione all'ordine.

 

 

5. Per chi sogna di poterne un giorno divenire membro, quali sono i passi da compiere, ed i requisiti da soddisfare? Esiste un processo specifico che i candidati debbano seguire?

 

Bisogna essere persone di fede sincera e poi ricordare che il contributo che ogni membro è tenuto a versare (400 Euro) è un gesto di carità e di amore. Poi un cavaliere o una dama non può non andare almeno una volta in Terra Santa per rendersi conto di quello che effettivamente è la Palestina oggi.

 

Bisogna essere presentati da due cavalieri della zona, compiere un periodo di noviziato per conoscere l'ordine e poi, se si è ammessi, avverrà la investitura. E' un vero servizio di amore e di fede.

 

 

6. Fra i vostri innumerevoli doveri, qual'è stata la sfida più impegnativa della vostra vita al servizio di Dio?

 

La gente ha bisogno solo di essere voluta bene ed essere rispettata ciascuno per il ruolo che riveste. Ho 83 anni compiuti e mi sono divertito sempre a fare il Docente nella scuola e il Sacerdote nella Parrocchia o fuori. Bisogna credere e amare il proprio ruolo, consapevoli che la nostra vita è un "servizio". Dicevo ai miei parrocchiani: signori, la parrocchia non me l'ha lasciata mio padre, la parrocchia è di tutti, collaboriamo a piene mani tutti insieme. 

I miei ex parrocchiani, bontà loro, mi incontrano ed è una festa.

 

Dicevo ai miei alunni: lo Stato mi paga profumatamente: guai a chi pensa di andare a dopo-scuola; dovete venire da me perchè io sono pagato dallo Stato. Ho avuto alunni meravigliosi, studiavano, oggi sono tutti uomini e donne qualificati. Quando ci si incontra è una festa. Rimpiangono i tempi che furono.

 

 

7. Qual'è il vostro ricordo più bello al servizio di Dio?

 

Difficile rispondere: facevo scuola  come se fossi stato in parrocchia; facevo il Parroco come se avevo una classe di liceo vicino. Ora che sono libero da impegni, sino a quando le forze me lo permettono, per volontariato, faccio il Direttore dell'Archivio Storico Diocesano, Presidente dell'Accademia Selinuntina di Scienze, Lettere ed Arti, e fondatore e Presidente dell'Istituto di Storia per la Chiesa mazarese.

Mi sono sempre e solo divertito e tutti sono felice degli anni trascorsi insieme.

 

 

8. Ho letto che a differenza di altri ordini, che di norma conferiscono titoli cavallereschi per meriti acquisiti, nell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro si entra per prestare un servizio attivo e di carità a favore delle Istituzioni cristiane in Terra Santa, con particolare riguardo alle attività gestite dal Patriarcato Latino di Gerusalemme, di cui l'Ordine è la principale fonte di sostentamento per tutte le strutture operative (60 parrocchie, 45 scuole con oltre 18.000 allievi e 900 insegnanti, il seminario, gli orfanotrofi , ecc. ) e delle attività di supporto alla presenza cristiana in quella Terra. A differenza delle Istituzioni caritative , l'Ordine non promuove iniziative per la richiesta di aiuti economici a terzi, ma sono i Cavalieri e le Dame che se ne fanno carico direttamente. In che modo, di preciso, i membri possono dare supporto alla Terra Santa, ed è necessario viaggiarvici regolarmente, oppure l'aiuto può essere provveduto anche a distanza?

 

Si può provvedere ai bisogni della Terra Santa anche a distanza per mezzo della Diocesi o direttamente inviando al Patriarcato Latino di Gerusalemme un proprio personale contributo.   

 

 

9. Cosa ne pensa di quella che viene attualmente definita come "crisi di fede", ovvero sempre più persone, specialmente giovani, che diventano ateisti?

 

Io all'ateismo credo poco. Sembra strano, vedo più fede oggi che ieri; ieri si era cristiani più per tradizione che per convinzione; oggi chi è cristiano, è veramente cristiano. Tutti abbiamo studiato, e l'uomo oggi è più credente di ieri. Tante strutture sono vuote perchè sono rimaste legate ad una tradizione sorpassata, tramandata e mai aggiornata.  La Chiesa è dello Spirito Santo, e Dio conosce bene uomini e cose.  Io, tra le altre cose, ho insegnato Storia della Chiesa per oltre 20 anni e quasi tutti gli insegnanti di religione cattolica nella diocesi di Mazara sono stati alunni miei, e oggi la Chiesa vive momenti, direi, gloriosi, rispetto al passato. I giovani sono responsabili, vogliono dialogare, non essere presi in giro o considerati bambinoni. Se si vedono amati e rispettati amano e rispettano Dio e il prossimo.

 

 

10. Quali sono state le iniziative e gli sforzi principali dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme per combattere gli effetti causati dal Covid-19? E cosa può fare ognuno di noi per aiutare le vostre iniziative in questo periodo difficile?

 

La crisi dovuta al Covid-19 oggi ha coinvolto non solo l'Italia ma il mondo tutto. Di specifico non saprei dirti nulla circa particolari iniziative dell'Ordine.  Ciascuno di noi però nel suo piccolo e nella propria Chiesa locale può vedere ed agire di conseguenza. Siamo tutti nella stessa barca, speriamo di approdare presto e poi agire di conseguenza.

 

 

La ringrazio veramente con tutto il cuore per questa intervista Reverendo Padre. E' stato un grande onore, ed un vero piacere, sentire i vostri punti di vista.

PRINCE NICK BAGRATIONI - ARISTOCRAZIA EU

H.R.H Prince Nick Bagrationi